cfs_0822-mrb
10 aprile 2017

Appiano 2 – Milano 3. CAMPIONI!

Ad Appiano si gioca gara 4 di finale. Sul ghiaccio i rossoblu di coach Da Rin e i pirati di Appiano, i primi per il primo importante match point che significherebbe vittoria del campionato e i secondi per l’ultima possibilità di pareggiare e giocarsi il tutto per tutto a gara 5.

Nessuna delle due squadre può sbagliare.

Assente nel Milano capitan Ale Re che sconta l’ultima delle due giornate di squalifica rimediate in gara 2 di finale.

L’avvio di partita è a ritmi blandi, entrambe le squadre sembrano controllare e controllarsi, il Milano crea qualche occasione in più ma Tomasi difende bene la sua gabbia, il primo periodo scorre con qualche azione milanese e con i pirati che non riescono a sfruttare un’importante doppia superiorità numerica.

La seconda frazione inizia cosi come era finita la prima, le azioni d’attacco degne di nota sono sporadiche da entrambe le parti, poi Peruzzo dalla media distanza coglie di sorpresa Tura sbloccando la situazione e segna la rete del 1 a 0 per i padroni di casa.

La partita si sveglia già ad inizio terzo periodo, Andergassen raddoppia insaccando alle spalle di Tura un disco fornitogli involontariamente da Lorenzo Piccinelli, il secondo gol dell’Appiano è in realtà paradossalmente la svolta psicologica per i rossoblu.

40″ dopo infatti Marcello Borghi segna la prima rete, il Milano riprende consapevolezza della propria forza e dei propri mezzi tecnici e trova la rete del pareggio con Tommaso Terzago.

L’Appiano cerca di ritornare in vantaggio, ma Tura non si fa più sorprendere, il Milano è concentrato e vuole vincere, il disco giusto arriva nuovamente sulla stecca di Marcello Borghi, protagonista della serata, che a 40 secondi dalla fine del terzo periodo segna la terza rete rossoblu e cancella lo spauracchio dei supplementari.

E’ il gol della vittoria, il Milano è campione. Esplode la gioia dei 300 tifosi rossoblu presenti allo Stadio di Appiano.

Vittoria. Campioni. Ed è double, Coppa Italia e Campionato.

Il cielo è rossoblu